Missionari Iblei

Centro Missionario Diocesano – Ragusa

P. Silvestro Castilletti è salito alla casa del Padre

img141

L’11 Luglio scorso p. Silvestro Castilletti, missionario cappuccino originario di Ragusa, è morto in Brasile all’età di 98 anni (n. 22 Marzo 1919).

Incardinatosi nella provincia di Rio de Janeiro, ultimo di 12 missionari originari della provincia religiosa dei Frati Minori Cappuccini di Siracusa in Brasile, era partito per l’America Latina  a soli tre anni dall’ordinazione sacerdotale. In occasione di una visita del padre provinciale che passava dal convento di Vittoria, dove p. Silvestro era stato destinato nel dopoguerra, ricevette la chiamata alla missione “ad Gentes”: “Vuoi andare in Brasile?”. E p. Silvestro: “Si, ora!”. E il 24 settembre del 1946.

Il 7 giugno di 2001, Padre Luis Canoa Sicheira, Ministro Provinciale di Rio, incontrandosi a ltambacurì prima di partire dopo una riunione, gli disse: “Frei, scriva le sue memorie”. E p. Silvestro, ormai poco più che ottantenne, inizia a scrivere le memorie di una lunga vita dedicata quasi interamente alla missione, pagine di un diario di bordo che intitolerà con una semplicità tutta francescana “Ricordando”, dove sono raccontati i ricordi di una vita dove la grazia di Dio si mescola con la quotidianità delle vicende umane. P. Silvestro ne racconta tanti e molti di questi li ritiene veri e propri miracoli – come usa dire nei suoi scritti –  episodi che a volte non hanno molta apparenza…”perché Dio aiuta i piccoli”.

P. Silvestro, quasi centenario, ci ha lasciato una grande testimonianza di vita consacrata in particolare alla missione e all’evangelizzazione dei popoli, dalla lontana Itanbacurì a 700 Km da Rio, stato di Minas grande come due volte l’Italia. Nel cuore pulsante di questo paese di montagna, dove ha vissuto con i molti poveri presenti in quella terra, fondata dai PP. Cappuccini per evangelizzare degli indios nativi nel centro della foresta, il suo battito si sentirà ancora…

4

 

 

 

Annunci

I commenti sono chiusi.