Missionari Iblei

Centro Missionario Diocesano – Ragusa

Sono trascorsi, quasi due mesi dal nostro arrivo in Cile!

Carissimi amici,

Sono trascorsi, quasi due mesi dal nostro arrivo in Cile!

Vi scriviamo questa breve lettera per aggiornavi di come procede la fase iniziale della nostra missione in Cile. In quanto non vogliamo essere ripetitivi vi comunichiamo che i ritmi giornalieri, più o meno, sono uguali a quelli che abbiamo scritto nella lettera dello scorso mese di febbraio.

Stiamo bene! Il nostro piccolo cresce e la gravidanza è agli ultimi mesi, viviamo con attesa anche il completamento dei lavori nella casa del Villaggio San Pedro, ricordandovi che, per adesso siamo ancora ospiti fraterni (in quanto facciamo fraternità e famiglia con i frati) nel Convento di Copiapò.

Domenica 23 marzo, qui in Cile, è iniziato l’anno pastorale per cui  all’inizio della messa sono stati presentati all’assemblea tutti gli operatori pastorali impegnati nella Parrocchia, tra i quali anche noi come missionari laici dall’Italia, mentre, sabato 22 siamo stati ad un ritiro di quaresima nel deserto con un gruppo della Parrocchia. Intanto, noi continuiamo ad essere accolti e impegnati, affiancando, nelle attività parrocchiali che ci permettono di integrarci e di sentirci partecipi più da vicino delle gioie e dei dolori di questa comunità. Abbiamo fatto diversi passi avanti nella comprensione della lingua cilena, mentre, più o meno iniziamo a parlare.

La settimana scorsa, è arrivato fra Fabio con il quale abbiamo condiviso la preparazione al corso CUM di Verona, sicuramente, una preziosa presenza qui in missione, il quale dopo diversi anni di esperienza in Italia ha sentito la chiamata alla missione, tra i primi impegni che gli sono stati affidati c’è quello di Assistente spirituale dell’Ofs locale.

Come tutti i Cristiani del mondo camminiamo in questo periodo di Quaresima preparandoci per la Pasqua del Signore Gesù Risorto. Sicuramente, anche per noi non mancano alcune tentazioni come può essere quella di pensare, a volte, alle sicurezze lasciate nella nostra terra che non abbiamo, che non ci farebbero vivere bene il presente, oppure, il voler iniziare subito a fare qualcosa che ci renda dei missionari più operativi ed efficaci, senza conoscere la realtà e le necessità. Nel nostro breve cammino spirituale in missione stiamo apprendendo anche, più direttamente, quanto sia importante andare piano e con prudenza. A volte, tutti noi, sperimentiamo nella fede che si può faticare invano se il Signore non dispone con bontà, se non ci lasciamo curare nelle nostre cecità.

Un sentito e affettuoso saluto dal Cile.

Paz Y bien!

Salvatore e Angela

28/03/2014

vedi anche in http://cemiofs.blogspot.it/2014/03/news-dal-cile-28-marzo-2014.html

Altura della Croce nel deserto.

Foto con alcuni membri della Fraternità Ofs di Copiapò.

lavori in corso

Annunci

I commenti sono chiusi.