Missionari Iblei

Centro Missionario Diocesano – Ragusa

Ognuno di noi, ogni uomo e ogni donna è un miracolo di Dio


Città del Vaticano, 23 maggio 2012 (VIS). “Ognuno di noi, ogni uomo e ogni donna è un miracolo di Dio, è voluto da Lui ed è conosciuto personalmente da Lui. Per Lui non siamo esseri anonimi, impersonali, ma abbiamo un nome. Lo Spirito Santo, che parla in noi e dice ‘Abbà! Padre!’, ci fa entrare in questa verità, la comunica alla sfera più intima di noi stessi e riempie la nostra preghiera di serenità e di gioia”, ha detto il Santo Padre questa mattina in Piazza San Pietro agli oltre 20.000 pellegrini convenuti per l’Udienza Generale.

Benedetto XVI ha si è soffermato su due Lettere di San Paolo nelle quali l’Apostolo parla dello Spirito Santo che ci permette di chiamare Dio ‘Abbà’, Padre Nostro ed ha spiegato che: “Il grande maestro della preghiera che è lo Spirito Santo ci insegna a rivolgerci a Dio con i termini affettuosi dei figli, chiamandolo ‘Abbà, Padre’. Così ha fatto Gesù; anche nel momento più drammatico della sua vita terrena, Egli non ha mai perso la fiducia nel Padre e lo ha sempre invocato con l’intimità del Figlio amato”.

Lo Spirito Santo, dono di Cristo Risorto, “ci colloca in una relazione filiale con Dio, relazione di profonda fiducia, come quella dei bambini; una relazione filiale analoga a quella di Gesù, anche se diversa è l’origine e diverso è lo spessore: Gesù è il Figlio eterno di Dio che si è fatto carne, mentre noi diventiamo figli in Lui, nel tempo, mediante la fede e i Sacramenti del Battesimo e della Cresima”.

“Forse l’uomo d’oggi non percepisce – ha affermato il Pontefice – la bellezza, la grandezza e la consolazione profonda contenute nella parola ‘padre’ con cui possiamo rivolgerci a Dio nella preghiera, perché più di una volta la figura paterna non è sufficientemente presente e positiva nella vita quotidiana. (…) È proprio l’amore di Gesù, il Figlio Unigenito – che giunge al dono di se stesso sulla croce – che ci rivela la vera natura del Padre: Egli è l’Amore”.

Nelle Lettera ai Galati San Paolo afferma che lo Spirito “grida in noi Abbà! Padre!, mentre nella Lettera ai Romani dice che siamo noi a gridare ‘Abbà! Padre! San Paolo vuole farci comprendere che la preghiera cristiana non avviene mai in senso unico da noi a Dio (…) ma è espressione di una relazione reciproca in cui Dio agisce sempre per primo: è lo Spirito Santo che grida in noi e noi possiamo gridare perché l’impulso viene dalla Spirito Santo. (…) Questa presenza apre la nostra preghiera e la nostra vita agli orizzonti della Trinità e della Chiesa”.

“Quando ci rivolgiamo al Padre nella nostra stanza interiore, nel silenzio e nel raccoglimento, non siamo mai soli. Siamo nella grande preghiera della Chiesa, siamo parte di una grande sinfonia che la comunità cristiana sparsa in ogni parte della terra e in ogni tempo eleva a Dio. (…) La preghiera guidata dallo Spirito, che ci fa gridare ‘Abbà! Padre!’ con Cristo e in Cristo, ci inserisce nell’unico grande mosaico della famiglia di Dio in cui ognuno ha un posto e un ruolo importante, in profonda unità con il tutto”.

Infine il Papa ha esortato i fedeli con queste parole: “Cari fratelli e sorelle impariamo a gustare nella nostra preghiera la bellezza di essere amici, anzi figli di Dio, di poterlo invocare con la confidenza e la fiducia che ha un bambino verso i genitori che lo amano. Apriamo la nostra preghiera all’azione dello Spirito Santo perché in noi gridi a Dio ‘Abbà! Padre!'”.
http://www.news.va/it/news/udienza-generale-il-papa-per-dio-non-siamo-figli-a

Annunci

I commenti sono chiusi.