Missionari Iblei

Centro Missionario Diocesano – Ragusa

San Sebastiano, patrono dell’Ospedale di Salto Grande

Questo slideshow richiede JavaScript.

É sempre com emozione che celebriamo la festa di S.Sebastiano il 20 di gennaio nell’ospedale di Salto Grande, nato come Maternitá S.Sebastiano 60 anni fa. Furono padri italiani Oblati di San Giuseppe (P. Mario e P. Secondo) che riorganizzarono la Casa della Misericordia chiamando in aiuto le suore di Padre Giacinto Bianchi: Figlie di Maria Missionarie (Genova, Massa carrara e anche siciliane). Nel 1952 arrivarono dall’Italia a Salto Grande per dirigere l’Ospedale, dare una mano nella catequese parrocchiale e aiutare anche nel Seminario degli Oblati nella vicina Ourinhos.

La festa ogni anno riunisce gli ammalati e i familiari, infermieri e alcuni dirigenti dell’Ospedale, fedeli delle varie Comunitá. Quest’anno il Vangelo ci ha presentato la chiamata fatta da Gesú ai 12 (quelli che lui volle li chiamó a stare con lui…). Come i 12 anche S.Sebastiano fu chiamato a essere discepolo e amico di Gesú… anche ciascuno di noi abbiamo aggiunto i nostri nomi in forza del battesimo, cresima…! Nell’omelia ho ricordato anche la bellissima figura sacerdotale di Don Rosario Sgarioto, cosí in unitá di preghiera con la Comunitá delle Grazie di Comiso (e non solo), i familiari e gli amici oggi abbiamo celebrato il 25mo dalla morte. Attorno alla Eucaristia ci siamo ritrovati vicini nonostante la distanza geografica (Nessun luogo e lontano!). L’anno scorso insieme a Don Salvatore Vaccaro e Don Salvatore Conti il 20 gennaio abbiamo avuto la gioia di concelebrare a Rio di Janeiro con Mons. Orani, arcivescovo e con i nuovi vescovi ausiliari e parecchi sacerdoti, nella chiesa di San Sebastiano (Cappuccini). In quella occasione abbiamo avuto anche la gioia di conoscere meglio i luoghi dei nostri cappuccini ragusani eroi della evangelizzazione in quella parte del Brasile.

San Sebastiano, come ha scritto quest’anno mons. Orani , aiuti soprattutto i giovani a essere discepoli missionari di Gesú preparando la festa della Giornata Mondiale della Gioventú Rio-2013 e testimoniando con coraggio e eroismo l’amore a Cristo e ai fratelli.  Dall’apostolato vissuto da quelle prime suore, venute dall’Italia, sono nate tante vocazioni brasiliane alla vita religiosa. Sono sei le suore saltograndensi in quella Congregazione presente oggi in parecchi stati brasiliani e all’estero. Suor Clara é missionaria in Ecuador e suor Joana sta voltando in Africa in Costa d’Avorio. Il prossimo 4 febbraio celebreremo l’invio missionario e il ringraziamento per i 40 anni di vita religiosa di suor Benedita e suor Joana.

Gesú continua a chiamare e inviare quelli e quelle che Lui vuole! A noi spetta dare la disponibilitá e la risposta, il nostro si, il resto é opera sua!

P. Giovanni Battaglia, Fidei Donum

Annunci

I commenti sono chiusi.