Missionari Iblei

Centro Missionario Diocesano – Ragusa

Preghiera: il respiro della vita

Mons. Bruno Forte sul nuovo ciclo di catechesi del Papa al mercoledì: la preghiera è il respiro della vita



Benedetto XVI terrà, domani, l’udienza generale in Piazza San Pietro. Mercoledì scorso, il Papa ha iniziato un nuovo ciclo di catechesi dedicato al tema della preghiera, sottolineando che “pregare è parlare con Dio”. Il Pontefice ha spiegato che intento delle sue catechesi è cercare di imparare a vivere ancora “più intensamente il nostro rapporto con il Signore, quasi una ‘scuola di preghiera’”. Su questo nuovo ciclo di meditazioni all’udienza del mercoledì, Alessandro Gisotti ha chiesto un commento a mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto:RealAudioMP3

R. – Il Papa dice che il senso dell’esistenza rimane oscuro e sconfortante se non viene messo in rapporto con il mistero di Dio e il suo disegno sul mondo. Questo, in fondo, è quello che fa la preghiera. La preghiera àncora le opere e i giorni al mistero santo, ci fa riscoprire custoditi nel grembo della Trinità divina e proprio così dà fondamento ma anche orizzonti di speranza e di fiducia al nostro cammino. Ecco perché la preghiera è il respiro della vita e per il credente è la continua sorgente di luce e di pace che lo rende libero e capace di incidere nella storia secondo la volontà del Padre nella sequela di Gesù.

D. – Il Papa ha detto, nell’udienza generale di mercoledì scorso: “In ogni preghiera si esprime sempre la verità della creatura umana”…

R. – Nel senso più profondo, perché l’uomo non è una monade: l’uomo è creato da Dio come partner di un’alleanza d’amore: è l’Altro che Dio ha voluto nella gratuità del dono, perché nella libertà questo “Altro” potesse corrispondergli. Dio ci ha fatti per contemplare il suo volto: Sant’Agostino lo dice in maniera struggente all’inizio delle “Confessioni”: “Hai fatto il nostro cuore per te ed esso è inquieto finché non riposa in te”. E allora, pregando, l’uomo si pone nell’atteggiamento più radicale e vero che ci possa essere, della creatura davanti al Creatore.

D. – Con umiltà il Papa ha detto: “La preghiera non va data mai per scontata. Occorre sempre reimparare a pregare” …

R. – E’ molto bella la formula “scuola della preghiera”. E’ una formula che, anche personalmente, ho amato e amo molto, tanto che nella mia diocesi ho istituito una “scuola della preghiera”. Perché è così importante parlare di “scuola della preghiera”? Etimologicamente, “scholé” significa “l’indugiante pensare”, come dire: la preghiera non si improvvisa. Proprio perché essa investe in maniera così radicale l’essere umano davanti a Dio ed apre così profondamente alle sorgenti eterne, bisogna educarsi alla preghiera.

D. – “Orazione” non è in contrasto con “azione”: abbiamo da ultimo un esempio luminoso come il Beato Karol Wojtyla…

R. – Giovanni Paolo II – per chiunque abbia avuto la grazia di stargli vicino anche pochi momenti, durante una celebrazione eucaristica – appariva un uomo totalmente immerso in Dio e nello stesso tempo, proprio per questo profondamente umano. Ciò è la verifica sul duplice versante di quello che Papa Benedetto XVI ci ha detto iniziando questa “scuola della preghiera”: proprio perché la preghiera ci immerge più profondamente in Dio, Trinità Santa, ci rende anche più profondamente umani, capaci di sintonizzarci in ciò che di vero, bello e autentico c’è in ogni essere umano. (gf)

Annunci

I commenti sono chiusi.