Missionari Iblei

Centro Missionario Diocesano – Ragusa

Huacho:Lettera di Avvento e Auguri di Natale

Carissimi amici e amiche,
qui a Huacho come in tutta la Santa Chiesa abbiamo cominciato l’Avvento
Nella terza settimana del rito romano ci incontreremo con un Vangelo sul quale sto meditando da vari mesi. Al cap. 11 di Matteo, Giovanni Battista dal carcere manda emissari a Gesú.
È roso da un dubbio, non è più sicuro che quel Gesú che ha battezzato al Giordano sia il Messia.
Gesú risponde semplicemente che “I ciechi ricuperano la vista, gli storpi camminano, i lebbrosi sono guariti, i sordi riacquistano l’udito, i morti risuscitano, ai poveri è predicata la buona novella“.
Si avvicina la fine di un anno che ha posto tante questioni aperte alla Chiesa e al clero, molti cristiani siamo stati attraversati da dubbi profondi come quelli del Battista.
Vorrei condividere però con voi la gioia più inaspettata che sto provando, cioé di vedere, con gli occhi di Cristo, che davvero la Buona Notizia è annunciata e i suoi frutti sono visibili, quasi letteralmente.
I ciechi recuperano la vista“: quest’anno l’associazione di artigiane Tejesol ha regalato 40 paia di occhiali alle tessitrici, frutto del lavoro accompagnato dalla vostra solidarietà.
Gli storpi camminano“: la giovane G.Z. è stata operata all’anca circa un anno fa, grazie ad alcune persone amiche, ed è potuta tornare a camminare e vivere normalmente.
I lebbrosi sono guariti“: non abbiamo questa malattia in parrocchia, però M. e R., due ragazzini tetraplegici e alcuni altri portatori di handicap ricevono una assistenza continua.
I sordi riacquistano l’udito“: due sorelline sorde di una famiglia poverissima stanno per essere operate, grazie alla solidarietà ricevuta nel nome di Cristo.
Niente di tutto questo era programmato, semplicemente è nato passo a passo dallo stare con la gente e dall’ascoltare i suoi bisogni. Non abbiamo cambiato il mondo, ma siamo testimoni che “ai poveri è annunciata la buona novella“.
Vi auguro di vivere cosí il Natale, con uno sguardo nuovo e ancora più cristiano su ciò che accade intorno a noi. E approfitto l’occasione per ringraziare di cuore tutti quanti accompagnano e aiutano il nostro cammino missionario qui in Perú.                                                                                                                                                                           
Annunci

I commenti sono chiusi.