Missionari Iblei

Centro Missionario Diocesano – Ragusa

Cristo il bel Pastore

Il tema liturgico della IV Domenica di Pasqua "Il Bel Pastore"
e la 47 Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni
ci invitano a ritornare su quella magistrale riflessione di Mons. Bruno Forte del 27 marzo 2006 La “via pulchritudinis” Il fondamento teologico di una pastorale della Bellezza (http://www.zenit.org/article-4366?l=italian)
Cristo, il “bel Pastore” (Gv 10,11) è secondo la fede cristiana la rivelazione della bellezza che salva: e lo è secondo la duplice via della bellezza armonica, propria del “più bello fra i figli degli uomini” (Sal 45,3), e di quella conturbante dell’Uomo dei dolori, davanti a cui ci si copre la faccia (cf. Is 53,2). Agostino e Tommaso d’Aquino possono essere indicati rispettivamente come i testimoni di questi due approcci, che convergono nella contemplazione e nella proclamazione del Redentore dell’uomo quale bellezza che salverà il mondo [1]. (leggi materia completa al link http://www.zenit.org/article-4366?l=italian).
 
Oggi piú che mai é urgente recuperare la dimensione della Contemplazione della bellezza in una societá che si prende cura solo della "vernice" esteriore abbrutendo lo spirito, l’interioritá. É di grande importanza per noi cristiani e di riflesso per tutta l’umanitá recuperare la "bellezza della vita"del senso della vita e di conseguenza riscoprire la GIOIA DELLA VITA, LA GIOIA DEL SERVIZIO, LA GIOIA DELLA DONAZIONE! La VOCAZIONE NASCE  dalla "seduzione" di un Dio capace di  dare la vita per lÚmanitá bisognosa di SALVEZZA!

"Mi hai sedotto, Signore, e io mi sono lasciato sedurre". (Ger 20,7)

Annunci

I commenti sono chiusi.